martedì 31 luglio 2018

... Chiamami col tuo nome...





















TRAMA

Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

RECENSIONE

In effetti è stato pesante leggere questo romanzo, troppo filosofico ed elucubrante per i miei gusti.... Prima parte: lenta, molto lenta, troppo lenta... probabilmente la non suddivisione in capitoli ha fatto la sua parte; è stato stancante leggere di Elio, dei suoi dubbi e dei suoi pensieri .. un loop continuo, ossessivo a tratti ....
Seconda parte: il riscatto... La scrittura diventa più scorrevole, i personaggi principali comunicano di più fra loro e il ritmo diventa un pochino più movimentato.... Una citazione  a parte merita  il bellissimo e commovente discorso che il padre di Elio fa al figlio al ritorno della breve vacanza a Roma, probabilmente la parte più bella e delicata, per me, del romanzo... 
Tirando le somme.. se si riesce a superare la prima parte.. vale la pena di leggerlo!

6 commenti:

  1. ce l'ho! Ma non l'ho ancora letto e forse sarà meglio che lo metta via per l'inverno, d'estate ho voglia di cose leggere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, penso sia una saggia decisione.. ;)
      ps: mi piacerebbe sapere cosa ne pensi...
      buona estate!
      :*

      Elimina
  2. Grazie....per la recensione...ti aspetto nel mio blog per festeggiare il suo compleanno!!

    RispondiElimina

Grazie di cuore del tempo che mi stai dedicando! Risponderò appena possibile!